Da London (Canada) Salvatore “Sal” Cambria

di Salvatore “Sal” Cambria

Un grande saluto dal Canada. Tanti abbracci a tutti. Ciao

NOTIZIARIOEOLIE.IT

Dopo la bella vacanza nelle mie adorate isole e soprattutto nella “mia Lami” sono tornato in Canada.

Questa che vi mostro è la mia casetta (“Casa Cambria in Canada “The machine”) costruita ovviamente a tempo di record, visto che sono l’imprenditore piu’ veloce di London, la cittadina dove vivo, ho messo su famiglia con 4 figli e lavoro.

Ovviamente la mia casetta è sempre aperta per gli amici che mi vorranno venire a trovare….

Un caro saluto ai parenti e a tutti gli amici e in particolare a Salvatore Agrip che durante la mia permanenza a Lipari mi ha fatto conoscere e apprezzare tanti cari isolani.

Luca Del Bono proclamato “Cavaliere” dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

All'”Eolian-Londinese” Luca Del Bono, all’ambasciata italiana a Londra, hanno conferito l’onorificenza di Cavaliere all’Ordine al Merito della Republica Italiana.

A Luca Del Bono, divenuto “Ambasciatore delle Eolie nel mondo”.
@luca-del-bono

LA BELLA STORIA. Da Pianoconte in linea Gennaro Biviano “Carramba che sorpresa tra le Eolie e l’America…”

di Gennaro Biviano

La ricchezza più grande che oggi possiamo lasciare ai nostri figli è la famiglia, quel legame che nessuno potrà mai spezzare.

Eppure siamo davvero sicuri di conoscerne tutti i componenti? La nostra famiglia è stata divisa per 100 lunghi anni da quando il fratello di mio nonno è emigrato dalla nostra Lipari. Da allora abbiamo sempre saputo dell esistenza di un ramo della nostra famiglia in America ma in una terra così grande non sarebbe bastato conoscere semplicemente il cognome. Sarebbe stato come cercare un ago in un pagliaio…

Così sono passati giorni, anni, fino a quando un giorno, una signora insieme ad amici bussano a casa mia con una foto dei miei genitori.
Quell’incontro che mai nessuno si sarebbe aspettato ha segnato per sempre la storia della nostra famiglia. Quella signora partita da così lontano che dopo incessanti ricerche e sfortunati incontri era riuscita a trovarci, era lì insieme a me a cercare di mettere insieme i pezzi di una parte della famiglia di cui conoscevamo poco o niente.

Da allora grazie ai nuovi mezzi di comunicazione di cui i nostri nonni erano sprovvisti, ci siamo sempre mantenuti in contatto e quest’anno il giorno del ringraziamento.

Siamo stati noi ad andare a trovare loro. A conoscere tutta la numerosa famiglia che ci aspettava e che avevamo il desiderio di conoscere ed è stata un emozione grandissima conoscerli tutti,.

In ognuno dei loro volti, dei loro sorrisi, delle loro espressioni. Noi increduli, riconoscevamo un pezzo della nostra famiglia. Siamo sicuri che i nostri nonni, i nostri padri sono felici di sapere finalmente tutta la famiglia riunita.

Grazie Costanza per averci trasmesso la tua voglia di conoscere fino in fondo le nostre radici. Noi faremo lo stesso con i nostri figli e non arrendiamoci mai perché il destino prima o poi ci ripagherà dell attesa.
Auguri a tutti di un sereno Natale a tutta la famiglia Cincotta, dai cugini Gennaro, Franco e famiglia

Da Sydney Peter Tesoriero

 

di Peter Tesoriero

Ho letto le risposte dei numerosi sostenitori di Derek e Jehnny (scusatemi ma non conosco i loro cognomi). Da tutti gli indizi, sembra essere chiarissimo che si tratti di un abuso non solo delle leggi, ma anche dei diritti degli altri proprietari della vicinanza. Le difese sono basate sull’unico fatto (che non vorrei negare) che questi due signori sono persone simpaticissime, belle, perfino adorabili. Forse ricorderete un bellissimo film “Il processo di Frine” (1951), con una memorabile interpretazione di Vittorio De Sica, avvocato di Gina Lollobrigida imputata per aver ucciso la suocera. L’avvocato ammette che la sua cliente è chiaramente colpevole, ma poi, con una strepitosa arringa, fa assolvere la bellissima popolana solo perché dotata di una bellezza mozzafiato.

(Il film si trova anche su YouTube  https://www.youtube.com/watch?v=3rkxU9VZCiE

A tutti questi difensori vorrei porgere una domanda. Fate parte di una società dove ci sono regole e norme di legge? Siete nell’Italia del ventunesimo secolo o siete davanti all’Areopago di Atene intorno alla metà del IV secolo a.C.?

Se mi permette, Dottore, vorrei continuare in lingua inglese non solo perché non sono un Vladimir Nabokov, capace di scrivere ugualmente bene in due lingue, ma cosicché anche i miei numerosi parenti Australiani, Derek e Jeheny, John Kaisner, i loro amici, i loro sostenitori e i loro clienti che vengono dall’estero a visitare la loro “Villa Libertà”, potranno capire meglio le mie risposte dettagliate.

Our ancestors were among the original settlers who came to Panarea from Lipari. We trace our origins back as far as the siege of 1544 and beyond. No one should be heard to suggest that we should not have a voice when it comes to expressing an opinion about what is our legitimate patrimony.

di Peter Tesoriero to Bartolino Leone.pdf

Da San Gallo: Pietro Cappelli

537260_140384946117722_1387393647_n.jpg

di Pietro Cappelli

In onore a mio padre Peppino Cappelli, c’è un posto speciale nella mia fabbrica del panettone. Questo dipinto acquarello che e’ stato realizzato nel 1966. Mio padre lavorava in una fabbrica a Wil di riscaldamenti. Mi è stato regalato da un suo amico e raffigura il mio papà che salda. Era emigrato in Svizzera per dare un Futuro Migliore a noi figli. Ora ha un posto d’onore meritato nella mia fabbrica sopra la statua di bronzo di Dante e di fronte al simbolo di San Gallo. Grazie papà per quello che hai fatto per noi figli!

23031453_880330125456530_7843839842487073587_n.jpg

Lipari, il ‘panettone piu’ buono della Svizzera’ di Pietro Cappelli avrà anche il gusto del miele del dottor Gianni Iacolino

20645836_835922976563912_1709512473_n.jpg

di Pietro Cappelli @pietro-cappelli

Sono andato a trovare il dottore Gianni Iacolino che a Lipari, in località Monte, ha le api. Mi sono caricato di miele per portalo in Svizzera dove farò un “panettone con il Miele di Lipari” che darà un gusto speciale ai miei panettoni.
Come con gli agrumi di Pirrera

Lipari gli eolian-australiani Pina e Pino Quadara festeggiano 54 anni di matrimonio nella loro isola

22050056_10212442228764293_8879405953304035618_n.jpg

Lipari – Dall’Australia alle Eolie per festeggiare 54 anni di matrimonio. Pina e Pino Quadara per lo “straordinario evento” da Melbourne sono rientrati nella loro terra natia. E lo trascorreranno insieme ai parenti ed agli amici piu’ cari.

Lipari filo diretto con Melbourne

22008135_10212428971352866_6390564395809960484_n.jpg

Lipari –  Da Melbourne è rientrato nella sua isola Nino Fonti, nativo di Pianoconte. Lasciò Lipari nel 1969 cercando fortuna in Australia. A Melbourne ha conosciuto la moglie Flora Guglielmo, di origini molisane e la coppia ha due figli.

Nino Fonti è divenuto imprenditore edile impegnato soprattutto nella costruzione di grattacieli.