Da Sydney Peter Tesoriero

 

di Peter Tesoriero

Ho letto le risposte dei numerosi sostenitori di Derek e Jehnny (scusatemi ma non conosco i loro cognomi). Da tutti gli indizi, sembra essere chiarissimo che si tratti di un abuso non solo delle leggi, ma anche dei diritti degli altri proprietari della vicinanza. Le difese sono basate sull’unico fatto (che non vorrei negare) che questi due signori sono persone simpaticissime, belle, perfino adorabili. Forse ricorderete un bellissimo film “Il processo di Frine” (1951), con una memorabile interpretazione di Vittorio De Sica, avvocato di Gina Lollobrigida imputata per aver ucciso la suocera. L’avvocato ammette che la sua cliente è chiaramente colpevole, ma poi, con una strepitosa arringa, fa assolvere la bellissima popolana solo perché dotata di una bellezza mozzafiato.

(Il film si trova anche su YouTube  https://www.youtube.com/watch?v=3rkxU9VZCiE

A tutti questi difensori vorrei porgere una domanda. Fate parte di una società dove ci sono regole e norme di legge? Siete nell’Italia del ventunesimo secolo o siete davanti all’Areopago di Atene intorno alla metà del IV secolo a.C.?

Se mi permette, Dottore, vorrei continuare in lingua inglese non solo perché non sono un Vladimir Nabokov, capace di scrivere ugualmente bene in due lingue, ma cosicché anche i miei numerosi parenti Australiani, Derek e Jeheny, John Kaisner, i loro amici, i loro sostenitori e i loro clienti che vengono dall’estero a visitare la loro “Villa Libertà”, potranno capire meglio le mie risposte dettagliate.

Our ancestors were among the original settlers who came to Panarea from Lipari. We trace our origins back as far as the siege of 1544 and beyond. No one should be heard to suggest that we should not have a voice when it comes to expressing an opinion about what is our legitimate patrimony.

di Peter Tesoriero to Bartolino Leone.pdf

Lascia un commento